Carissimi Lettori,

per iniziare l’anno non potevamo non proporvi la recensione di “Una vita come tante” di Hanya Yanagihara,il libro che ha appassionato milioni di lettori e che Anny ha letto per noi!

Secondo me vale la pena acquistarlo e leggerlo e sicuramente recupererò presto.

Vi lascio come sempre il banner per acquistarlo e successivamente la trama e la recensione.

UNA VITA COME TANTE

TRAMA

In una New York fervida e sontuosa vivono quattro ragazzi, ex compagni di college, che da sempre sono stati vicini l’uno all’altro. Si sono trasferiti nella metropoli da una cittadina del New England, e all’inizio sono sostenuti solo dalla loro amicizia e dall’ambizione. Willem, dall’animo gentile, vuole fare l’attore. JB, scaltro e a volte crudele, insegue un accesso al mondo dell’arte. Malcolm è un architetto frustrato in uno studio prestigioso. Jude, avvocato brillante e di enigmatica riservatezza, è il loro centro di gravità. Nei suoi riguardi l’affetto e la solidarietà prendono una piega differente, per lui i ragazzi hanno una cura particolare, una sensibilità speciale e tormentata, perché la sua vita sempre oscilla tra la luce del riscatto e il baratro dell’autodistruzione. Intorno a Jude, al suo passato, alla sua lotta per conquistarsi un futuro, si plasmano campi di forze e tensioni, lealtà e tradimenti, sogni e disperazione. E la sua storia diventa una disamina, magnifica e perturbante, della crudeltà umana e del potere taumaturgico dell’amicizia.

RECENSIONE

Vi è mai capitato di leggere un libro e provare orrore? Di non riuscire a sopportare le righe che state leggendo, le vicende, come se non aveste più il coraggio di voltare pagina? 

Questo è esattamente il sentimento che questo libro mi ha trasmesso, e anche quello che me lo ha fatto amare, stranamente. 

Una vita come tante è un libro particolare, opprimente, forte, che non ti lascia scampo. Il lettore deve fare una prova di coraggio immensa, se vuole davvero arrivare alla fine, perché Jude, il nostro protagonista, ti entra così in profondità, da sentire i suoi dolori come i propri, i suoi disagi come qualcosa che è radicato dentro di te. Una vita come tante sono 1100 pagine di assoluto dolore, ma anche di empatia, di amicizia, e nonostante Jude è raramente felice durante la sua vita, quei pochi istanti in cui riesce a trovare la possibilità di esserlo, la pace e la tranquillità, capisci che forse c’è speranza, che forse nonostante la sofferenza, tutti sono capaci di trovare la felicità, nascosta ovunque si abbia il coraggio di guardare: in un amico, nella tua famiglia, in quel determinato viaggio verso l’Africa, in quella laurea che sei finalmente riuscito a prendere nonostante non ci credesse nessuno.

Questo è quello che Una vita come tante mi ha insegnato: Hanya Yanagihara è riuscita con assoluto talento a raccontare esattamente quello che il titolo vuole esprimere: una vita come tante, una vita che può essere la tua, di un tuo amico, di un tuo collega. Una vita che può nascondersi, una vita vera, in tutte le sue sfaccettature.

Ho molto apprezzato anche (e stranamente) lo stile di scrittura dell’autrice, che fino ad ora in altre opere mi è sempre pesato, ma lei è riuscita con la sua maestria a farmelo amare; pieno di descrizioni molto dettagliate, il libro sembra più un flusso di coscienza, quasi senza stacchi (infatti i capitoli sono pochissimi, nonostante la lunghezza del libro), quasi senza pause, in un insieme di sofferenza che non finisce mai, fino alla fine.

Ecco perché sono convinta che questo libro non sia per tutti, lo stile di scrittura è molto particolare e potrebbe sembrare lentissimo alla maggior parte di voi, e anche la storia in sé necessita di una vera voglia di sapere e di sopportare, perché vi dico la verità, bisogna essere preparati ad affrontarla, perché è immensa, in tutte le sue sfumature, e rimarrà nel vostro cuore per sempre.

Classificazione: 5 su 5.

“Intorno a lui, la stanza era pervasa dal profumo di quella piana sconosciuta che aveva trovato per strada: verde, insolito e al contempo stranamente famigliare, come le cose che non sai di amare tanto finché non appaiono all’improvviso e nel modo più inaspettato, dentro la tua vita”.

Recensione scritta da Anny Colonna per @la_biblioteca_di_Stefania

vietata la riproduzione ©

Annunci
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...